xiaomi-mi-mix-3-5g

Smartphone 5G in Italia: cosa c’è, cosa arriverà

Gli smartphone 5G domineranno presto il mercato. Così come è stato per il passaggio dai dispositivi 4G da quelli con il solo 3G, le flotte 5G dei marchi globali, più o meno famosi, cresceranno certamente di numero nel corso dei prossimi mesi. Eppure, ad oggi, la nuova rete non è per nulla disponibile, almeno in Italia. Ha dunque senso dotarsi di un telefonino del genere? Forse no ma sapere quali e quanti arriveranno a breve nei negozi è un buon punto di partenza per poi decidere il modello da acquistare quando, entro la fine del 2020, anche il nostro bel paese entrerà nell’era dello standard avanzato, che promette davvero meraviglie. Cerchiamo di capire quindi dove rivolgere le proprie attenzioni, riferendoci prima ai big del settore.

Samsung ha fatto il grande passo verso il 5G con il suo Galaxy S10 5G , la versione super veloce della gamma lanciata a febbraio del 2019. In effetti è un aggiornamento importante rispetto alla declinazione classica della casa coreana, con uno schermo più grande e una fotocamera migliore come, al quale si associa ovviamente la presenza di un’antenna capace di viaggiare in 5G. Il telefono è dotato di display Amoled QHD da 6,7 ​​pollici, 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione integrato ma nessuno slot per schede microSD. È presente anche una batteria da 4.500 mAh e la ricarica wireless reversibile, la stessa degli altri S10. Il Galaxy S10 5G sta lentamente arrivando sui mercati di tutto il mondo e, per l’estate, sarà in vendita anche da noi.

Un’aggiunta più recente al trend 5G è Oppo, il produttore cinese che ha ufficialmente presentato Oppo Reno, un nuovissimo telefono di punta che monta lo standard integrato. Il Reno 5G è dotato di un display Oled da 6,6 pollici edge-to-edge, una grande batteria da 4.065 mAh, una fotocamera con zoom ibrido 10x e una per i selfie a scomparsa. Nel gennaio del 2018 Oppo aveva perfezionato un accordo con Qualcomm per utilizzare i suoi componenti e la tecnologia 5G nei prossimi dispositivi. A maggio del 2018 si era spinta con il dimostrare come poteva funzionare la prima videochiamata 5G al mondo e adesso, con il Reno, la compagnia concretizza quanto di buono fatto sinora. Il prezzo non è nemmeno così fuori dalle orbite: 899 euro, da giugno.

LG V50 ThinQ potrebbe non avere il fascino del Huawei Mate X ma è un telefono 5G interessante, in un cero senso anche pieghevole. Si, perché grazie all’accessorio Dual Screen si può collegare la cellulare un secondo display, che funge da schermo ulteriore su cui allargare la visuale. Il telefono è stato lanciato insieme all’LG G8 ThinQ al Mobile World Congress 2019 di Barcellona e porta con sé un processore Snapdragon 855, un display Oled QHD+ da 6,4 pollici e un sistema di telecamere a tripla lente sul retro. Si tratta di specifiche decenti se si vuole un modello di punta nel 2019. Senza dimenticare che ha il 5G. Il lancio è partito il 19 aprile, con un prezzo di listino di 950 euro (170 euro per l’accessorio Dual Screen).

Lo Xiaomi Mi Mix 3 5G è stato confermato a fine ottobre e divenuto disponibile a maggio del 2019. Modulo di rete a parte, il device sembra un dispositivo robusto, con un display Oled da 6,39 pollici incorporato in un elegante design senza cornice (con il 93% di rapporto schermo-corpo) e una suite di hardware che include un massimo di 10 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione, oltre a un doppio sistema di telecamere posteriori (24 MP + 2 MP). La cosa più eccitante per gli utenti che cercano di passare a un telefono 5G quest’anno è il prezzo, di 599 euro, ben al di sotto di quello che offre la concorrenza.

Due menzioni a parte meritano il Mate X di Huawei e il Galaxy Fold di Samsung. Si tratta dei primi smartphone pieghevoli al mondo (dopo il FlexiPhone di Royole) prodotti da due brand così conosciuti. Entrambi montano un’antennina per il 5G, che si abbina all’innovativo fattore di forma della tecnologia del pannello flessibile. Dopo qualche problemino, il Fold è andato in vendita a giugno, in Italia a 2.050 euro, mentre del Mate X non si conosce ancora bene la data di commercializzazione, che dovrebbe comunque prevedere una messa sugli scaffali in autunno. Se la voglia è quella di dotarsi di un gadget davvero futuristico, già capace di sfruttare pienamente la rete 5G, beh non bisogna andare oltre ma decidersi tra questi due. A patto di avere un portafoglio bello pieno. Ci sono altri modelli da aspettarsi? Sicuramente: il Note10 di Samsung a settembre avrà anche una variante 5G, così come l’iPhone XI e il Mate 30 di Huawei. Peccato che OnePlus 7 Pro 5G non arriverà in Italia, almeno per il momento, perché il mix di specifiche tecniche e di prezzo (sugli 800 euro), ne fanno uno smartphone di certo interessante.