Ritorno a scuola e pericoli online. Come tutelare i bambini?

Manca ormai poco alla riapertura delle scuole, anche se molti insegnanti stanno ancora cercando di capire con che modalità si farà sentire la prima campanella. Vista l’esperienza passata, una cosa resta certa: l’insegnamento online sarà un’alternativa da mettere in atto in caso di necessità.

Didattica online o meno, il rientro a scuola significa che i bambini e gli adolescenti si riavvicineranno molto di più al mondo online. PC, smartphone e tablet sono strumenti utilissimi, ma possono anche esporli in modo prematuro a contenuti spesso non adatti alla loro età. Proprio per questo bisogna adottare le misure necessarie e proteggere i bambini dalle minacce e dai pericoli che potrebbero incontrare sul web.

Non è necessario essere esperti di tecnologia per aumentare la sicurezza dei bambini su Internet. Il trucco sta nel fargli capire i pericoli.

6 dritte da cui partire per avviare un dialogo sulla sicurezza online con i bambini:

  1. Parlate della sicurezza online per far conoscere i rischi

Sembra banale, ma prima di iniziare a indagare sui rischi a cui sono esposti i bambini online, è sufficiente chiedere proprio a loro. Comunicate in modo calmo e sincero con i vostri figli, chiedete loro di mostrarvi che app e siti frequentano, con chi chattano e che giochi preferiscono. Fate attenzione a tutti questi dettagli per capire a quali minacce possono andare incontro. Approfondite l’argomento passando anche un po’ di tempo con loro, utilizzate Internet insieme per rendervi conto di quanto siano coscienti dei rischi che possono trovare e se sanno proteggersi dalle minacce online.

  1. Fate capire a quali pericoli e rischi si può incorrere online

Siate sempre prudenti. Se i problemi non si sono presentati finora, non vuol dire che a voi non possa succedere. Spesso finisce nei guai chi è meno consapevole del pericolo. Spiegate perciò ai vostri figli quali sono i pericoli che possono incontrare su Internet e soprattutto perché non devono condividere informazioni personali in rete e con gli sconosciuti. Non sottovalutate la loro capacità di comprensione. Fornite esempi pratici: tutti ne conosciamo almeno uno che riguarda le email di phishing, i virus, le truffe online, contenuti rubati e così via.

  1. Collaborate per stabilire delle regole sulla protezione online

Privare i bambini dei loro gadget tecnologici preferiti può essere percepita come una misura estrema. Invece di togliere i dispositivi per un determinato lasso di tempo, provate a stabilire dei limiti di utilizzo giornaliero: sarà più facile anche per voi tenerli sotto controllo. Insegnate ai bambini come disconnettersi e stabilite anche dei momenti nei quali l’uso di PC, smartphone e tablet è vietato, per esempio a tavola.

  1. Aggiornate le impostazioni sulla privacy e la sicurezza dei loro account e dispositivi

Aumentate la protezione dei loro account, soprattutto per quanto riguarda la privacy. Scegliete insieme una password complessa e rendete private o condivise solo con gli amici le foto e altre informazioni importanti dei profili sui social. Assicuratevi che anche le informazioni dei vostri account seguano la stessa regola e non fatevi prendere dall’entusiasmo: da una banalissima foto con i figli di fronte alla scuola pubblicata online i malintenzionati potrebbero ricavare informazioni preziose.

  1. Proteggete i loro dispositivi dalle minacce online

Quando non ci siete voi a sorvegliarli, c’è la tecnologia che vi può dare una mano. Numerosi apparecchi tecnologici dispongono del cosiddetto parental control (controllo genitori), una funzione che permette di monitorare l’attività online, bloccare l’accesso dei bambini a determinate categorie di siti, ma anche di impostare delle fasce orarie o i tempi di utilizzo. È però importante ricordare che si tratta soltanto di uno strumento che può aiutarvi a rafforzare la sicurezza online dei vostri piccoli e non sostituisce la presenza vigile di un genitore. Oltre a questa funzione integrata dei dispositivi, gli sviluppatori hanno messo a punto molte altre app che vi possono aiutare a monitorare e proteggere la privacy e la sicurezza dei vostri figli su Internet.

Leggete anche: Controllo parentale

  1. Installate una protezione di tipo antivirus

Internet è una risorsa preziosissima per chiunque, ma non è certo stato creato per i bambini. Basta un clic sbagliato per compromettere un dispositivo, un account o un conto bancario, specialmente se i genitori lasciano i propri gadget in mano ai figli. Assicuratevi di installare su tutti i dispositivi che possedete un software di tipo antivirus. Anche tablet e smartphone con accesso a Internet sono a rischio. Noi vi consigliamo Avira Free Security, che protegge voi, i vostri dati e i vostri dispositivi da qualunque tipo di minaccia, comprese le vulnerabilità del dispositivo, come le password deboli o i software obsoleti. Inoltre, garantisce una navigazione web sicura e una protezione in tempo reale bloccando i siti web dannosi prima del loro caricamento.

Leggete anche: Infografica: Controllo degli smartphone da parte dei genitori

Questo articolo è disponibile anche in: IngleseFranceseSpagnoloPortoghese, Brasile