free WiFi pirates, Piraten von kostenlosem WiFi, pirates du WiFi gratuit, pirati del WiFi gratuito

Arrivano i pirati del WiFi gratuito dell’Adriatico

La Costa adriatica lungo la Croazia ha incantato i visitatori per secoli con le sue acque cristalline, le spiagge di ciottoli, le città monumentali e il sole caldo. Tuttavia, negli ultimi anni, le prospettive dei visitatori e i loro desideri hanno subito grandi cambiamenti. Invece di scrutare l’orizzonte, i visitatori moderni guardano in basso, con gli occhi incollati al loro smartphone. E quando non sono impegnati a scattare selfie, sono a caccia di qualcos’altro: una rete WiFi gratuita.

Sono alla ricerca di qualsiasi opportunità di accesso a una rete gratuita e non protetta per poter chattare con gli amici e inviare e ricevere foto. Ovviamente preferiscono le connessioni WiFi che non richiedono l’immissione di una password. Se ti capita di imbatterti in un gruppo di persone, una accanto all’altra, nel centro storico di una città, intente a consultare il proprio smartphone, non è perché sono interessate a un monumento. Hanno semplicemente trovato un hotspot WiFi e sono impegnate con Instagram, Snapchat e Facebook.

20160903_081416_small
Mattino a Rovigno, senza pirati e con WiFi gratuito limitato

Nel corso di una recente indagine, molto informale, condotta da due teenager della mia famiglia, sono state rilevate circa dieci connessioni WiFi non protette durante una settimana in Croazia. Di queste, cinque avevano la parola “free” (gratis) nel nome della rete e solo due funzionavano davvero. Ovviamente entrambi i teenager non erano al corrente del fatto che utilizzare queste connessioni non fosse affatto una buona idea.

Per questo motivo, ecco cinque ragioni per le quali essere pirati del WiFi gratuito, che vanno all’arrembaggio di qualsiasi connessione non protetta possibile, potrebbe rivelarsi un problema.

Sei incredibilmente esposto

Quando ti connetti a una rete WiFi aperta, sei esposto, come tutti i dati che invii tramite la rete. Questi tipi di rete sono vulnerabili agli attacchi man-in-the-middle per cui un hacker che ti siede accanto può intercettare le comunicazioni e dare un’occhiata ai messaggi e alle tue imbarazzanti fotografie delle vacanze.

È davvero gratuito?

A tutti piacciono le cose gratuite, specialmente se si tratta della possibilità di connettersi a Internet quando il piano dati del proprio smartphone limita la capacità di inviare le foto delle vacanze a casa. Tuttavia occorre stare attenti alle trappole. Se devi fornire il tuo indirizzo email a un sito per avere accesso alla rete WiFi gratuita, usa un account di posta elettronica temporaneo per ridurre la possibilità di ricevere spam.

A cosa hai acconsentito?

I siti gratuiti spesso dispongono di termini e condizioni. Sebbene la maggior parte delle persone li scorra velocemente (quando va bene) nella propria lingua madre, farlo di fretta in una lingua straniera potrebbe comportare dei rischi. Anche se probabilmente non stai cedendo diritti imperituri sulla vita del tuo primogenito, presta sempre attenzione alle condizioni che stai accettando.

Una password non significa sicurezza

Una password per accedere alla rete WiFi di un hotel o di un caffè non garantisce la sicurezza. Significa solo che c’è un gruppo di persone più ristretto che può accedere alla rete a piacimento. Non significa automaticamente che venga garantita la privacy delle tue comunicazioni o che queste siano crittografate. Attenzione, pirati del WiFi gratuito!

Sii riservato

Le persone indossano abiti quando vanno in giro, anche sulla maggior parte delle spiagge. Talvolta non si coprono e davvero avresti preferito che lo facessero. Pensa di usare una VPN come Avira Phantom per tenere al riparo dagli sguardi indiscreti le tue attività online in un pacchetto sicuro e crittografato, proprio come una lettera raccomandata (o un grande asciugamano). Ricorda che la riservatezza è una tua scelta.

Questo articolo è disponibile anche in: IngleseTedescoFrancese

As a PR Consultant and journalist, Frink has covered IT security issues for a number of security software firms, as well as provided reviews and insight on the beer and automotive industries (but usually not at the same time). Otherwise, he’s known for making a great bowl of popcorn and extraordinary messes in a kitchen.