Keep calm if you're infected by ransomware - Erpresserviren,, Virus de rançonnement, Virus del riscatto

Non abbiate paura dei virus del riscatto

La minaccia dei ransomware, detti anche virus del riscatto, incombe sempre di più. Sono minacciati il settore pubblico, le aziende, ma anche utenti privati. Questi virus infettano computer Windows, crittografano file importanti e alla fine chiedono un riscatto in denaro alle vittime. In questo articolo vi spieghiamo come potete rendere inoffensivi tali attacchi. 

Che si tratti di social network, siti Internet infettati o una e-mail contaminata, basta un clic nel punto sbagliato per infettare il vostro computer e bloccare tutti i vostri dati. Ormai è chiaro: la minaccia dei ransomware, detti anche virus del riscatto, si fa sempre più forte. Esempi di attacchi ransomware molto diffusi come “CoinVault”, “Locky” e in ultimo “WannaCry” mostrano che i pirati informatici si adoperano con sempre maggiore frequenza nelle loro attività criminali. Possono colpire chiunque.

Questi virus si impadroniscono di file o di interi computer

Lo schema è sempre lo stesso. Il virus agisce dapprima segretamente in background, fino ad attivare il meccanismo di blocco. Quindi i ricattatori si presentano con un messaggio a video. La minaccia: soltanto dopo aver inviato il denaro sarà possibile riavviare i computer o riottenere i dati crittografati. Gli esperti di sicurezza avvertono però di astenersi dal cedere a queste richieste. In primo luogo perché così si incoraggiano i cyber-criminali a persistere nelle loro attività illecite e poi perché non vi è alcuna garanzia che rimuovano effettivamente il blocco. Cosa occorre fare allora?

Se all'avvio del PC invece del logo di Windows compare un messaggio come questo, significa che un virus del riscatto si è impadronito del computer.
Se all’avvio del PC invece del logo di Windows compare un messaggio come questo, significa che un virus del riscatto si è impadronito del computer.

Non tutti i programmi antivirus offrono una protezione sufficiente contro tali attacchi. Infatti questi virus mutano così rapidamente che alcuni sviluppatori non riescono a starvi dietro con l’aggiornamento. Inoltre spesso non riescono ad annullare la crittografia generata dai virus del riscatto. Anche se riescono a rimuovere con successo il virus, i dati sono comunque persi. Come fare allora per proteggersi?

I migliori suggerimenti contro i ransomware

  • Innanzitutto, la cosa più importante è fare regolarmente copie di backup del sistema con tutti i file. In una situazione d’emergenza, dovuta a infezione da virus, sarà così possibile recuperare completamente il sistema Windows con pochi clic. Dovete tenere presente che chi dispone di un’immagine aggiornata di tutti i dati, non è ricattabile.
  • Quando aprite le vostre e-mail, fate attenzione ai file allegati sospetti e non apriteli, soprattutto se si tratta di file Office provenienti da mittenti sconosciuti. La cosa migliore da fare è eliminare immediatamente questi messaggi.
  • Alcuni virus sfruttano le vulnerabilità per infiltrarsi in Windows. Per impedirlo, tenete sempre aggiornati i vostri programmi. Installate tutti gli aggiornamenti non appena sono disponibili, chiudete le vulnerabilità, soprattutto per Flash e Adobe Reader.

Mantenere la calma

Nonostante tutte le misure adottate, siete rimasti infettati da un virus del riscatto? In tali casi la prima cosa da fare è: mantenere la calma!

  • Agite subito: fate una foto al messaggio da allegare alla denuncia da presentare alla Polizia.
  • Poi spegnete subito il computer. Non riavviate più il sistema Windows contaminato, finché non avrete rimosso il software dannoso, ad esempio utilizzando un CD di recupero.
  • Non pagate: anche se avete urgente bisogno di disporre dei vostri dati e non avete una copia di backup, non dovreste pagare. Altrimenti incoraggereste i cyber-criminali a persistere nelle loro attività illecite. Soltanto se non avete più nessuna possibilità di recuperare i vostri dati, ma questi vi servono assolutamente, potreste cedere. Ma ricordatevi che non è comunque sicuro che riavrete indietro i vostri dati.
  • Reinstallate Windows: avete disponibile un backup completo dei dati recente? Se l’avete, eseguitelo. Non è invece una buona idea estrarre soltanto alcuni dati dalla copia di backup. Infatti è probabile che nel profondo del sistema siano occultati altri virus e i criminali dopo alcune settimane potrebbero ripetere il ricatto.
  • Aiuto in Internet: il punto di riferimento centrale in merito all’infezione da ransomware è il sito Internet botfrei.de. Con la foto dello schermo è possibile identificare facilmente il trojan che sta paralizzando il vostro computer. Anche il forum della guida offre preziose informazioni sui rimedi. Nel migliore dei casi esistono già tool speciali che permettono di risolvere la crittografia.

Questo articolo è disponibile anche in: IngleseTedescoFrancese