Lavorate da casa con un vecchio laptop? Proteggetevi in poche semplici mosse

A causa delle misure restrittive adottate per contrastare la pandemia di COVID-19, molti di noi sono costretti a crearsi un ufficio in casa senza le risorse solitamente disponibili in ufficio. La buona notizia è che, indipendentemente dal tipo di computer portatile o dal sistema operativo a disposizione, bastano tre semplici mosse per aumentare la sicurezza e proteggere al meglio i dati mentre si lavora da casa.

1. Aggiornate i software

Se non usate il computer portatile da un po’ di tempo, è molto probabile che il sistema operativo e i programmi installati non siano aggiornati. I sistemi e i programmi obsoleti sono vulnerabili agli exploit, quindi l’aggiornamento vi aiuterà a risolvere le falle di sicurezza e a proteggere meglio i vostri dati. Una volta acceso il computer, la primissima cosa da fare è eseguire una scansione manuale per assicurarsi che tutti i programmi e le app installati vengano aggiornati.

In seguito, potete configurare il dispositivo in modo che esegua aggiornamenti automatici o installare un programma che aggiornerà i software al posto vostro. Potete acquistare un programma di aggiornamento dei software stand-alone per ottimizzare completamente la protezione e le prestazioni oppure scaricare una suite di sicurezza con sistema di aggiornamento integrato.

È importante ricordare che dallo scorso febbraio chiunque lavori da casa e utilizzi Windows 7 sul portatile non sarà in grado di effettuare aggiornamenti di software. Se questa è la situazione in cui vi trovate, prendete in considerazione la possibilità di migrare a Windows 10 per avere la certezza di lavorare da casa in modo sicuro e protetto.

Già che ci siete, ripulite il computer eliminando tutti i programmi che non usate. Questa operazione riduce le possibilità che un malware dirotti un programma e ottenga l’accesso al vostro sistema, oltre a liberare spazio utile per l’archiviazione di dati. Per facilitarvi ancora di più il tutto, ripulite e ottimizzate il dispositivo in un unico passaggio con un programma di ottimizzazione gratuito.

2. Eseguite una scansione antivirus

Dopo aver ripulito e aggiornato il sistema e le app, potete eseguire una scansione antivirus per proteggere ulteriormente il sistema da virus e malware. Scaricate uno scanner antivirus gratuito affidabile per prendere dimestichezza con lo strumento e valutarne il livello di protezione, e poi in un secondo momento potrete decidere se è necessario acquistare un software antivirus più potente.

3. Installate una VPN

Il modo migliore per proteggere i dati inviati e ricevuti mentre si lavora da casa è quello di impostare una VPN (rete privata virtuale). Una VPN crea una connessione Internet privata e sicura crittografando i dati e mascherando la vostra posizione: questo significa che potete lavorare e navigare sul web senza che nessuno possa accedere alle vostre attività online o intercettarle.

L’utilizzo di una VPN è particolarmente importante se per lavoro dovete inviare o condividere dati di clienti, informazioni finanziarie e altri documenti sensibili. Per una sicurezza ancora maggiore, utilizzate un cavo di rete per collegarvi direttamente al router invece di connettervi a Internet tramite Wi-Fi.

Quando si sceglie un fornitore di VPN, c’è un aspetto a cui è necessario prestare molta attenzione. Assicuratevi di leggere attentamente l’informativa sulla privacy: sarà meglio infatti sapere con esattezza se e che tipo di accesso ha il provider stesso per monitorare le vostre attività online. Un suggerimento è quello di scaricare una VPN gratuita da Avira, un fornitore pluripremiato che adotta una rigorosa politica no-log e non vende i dati a terzi.

Altri suggerimenti per proteggere il vostro portatile da malware quando lavorate da casa

Una volta messi in atto gli accorgimenti descritti sopra, dovrete comunque prendere delle precauzioni quando inizierete a lavorare da casa sul vostro portatile. Assicuratevi che il browser sia aggiornato, per evitare inutili rischi per la sicurezza. La maggior parte dei browser come Chrome e Firefox si aggiorna automaticamente, ma è buona abitudine riavviarlo periodicamente per assicurarsi di lavorare sempre con l’ultima versione.

Un altro modo per tenere alla larga virus e malware dal portatile è quello di non scaricare mai file, aggiornamenti o applicazioni a caso. Fate attenzione, ad esempio quando aprite le email, a non cliccare sui link e a non scaricare file da mittenti sconosciuti, e state in guardia dagli ultimi attacchi di phishing legati alla pandemia di COVID-19.

Non rischiate di perdere il prezioso lavoro che avete svolto: eseguite il backup dei dati

Dopo aver protetto la connessione e le attività online, è bene prendere l’abitudine di pianificare regolarmente un backup dei dati: così facendo avrete a disposizione una versione pulita dei vostri file a cui attingere nel caso in cui siate esposti alla minaccia di un virus. Prima di ripristinare qualsiasi file, eseguite una scansione antivirus per assicurarvi che quelli di backup non siano stati compromessi.

Con tutte le preoccupazioni causate dal nuovo coronavirus, se seguite questi pochi accorgimenti, lavorare da casa su un vecchio portatile almeno non sarà una di queste!

Questo articolo è disponibile anche in: IngleseFranceseSpagnoloPortoghese, Brasile

Content Manager
Former journalist. Storyteller at heart.